MiC - Architetture sostenibili per i luoghi della cultura

By in
134

Nome dell’Avviso e Programma di provenienza:

AVVISO: Architetture sostenibili per i luoghi della cultura – Prima edizione 2023-2024

Programma: Ministero della Cultura – Direzione Creatività Contemporanea

Tipologia di Richiedenti/ Beneficiari:

SEZIONE I:

Possono presentare domanda in qualità di soggetto singolo o proponente capofila: i musei, gli archivi e le biblioteche, le aree e i parchi archeologici, i complessi monumentali come definiti all’art. 101, co. 2, del D. Lgs 42/2004, di appartenenza pubblica, compresi quelli dotati di autonomia organizzativa e di bilancio, anche costituiti in forma di fondazione, istituzione e azienda speciale.

SEZIONE II:

Possono candidarsi alla presente Sezione II, come soggetto proponente singolo o capofila e come soggetto proponente associato: 

a. i luoghi della cultura, quali: i musei, gli archivi e le biblioteche, le aree e parchi archeologici, i complessi monumentali come definiti all’art. 101, co. 2, del D. Lgs 42/2004, di appartenenza pubblica, compresi quelli dotati di autonomia organizzativa e di bilancio, anche costituiti in forma di fondazione, istituzione e azienda speciale; 

b. enti e istituti pubblici, soggetti pubblici o privati senza scopo di lucro, impegnati in modo prevalente in campo culturale e/o scientifico, quali istituti universitari e centri di ricerca; associazioni, fondazioni, enti del Terzo settore senza scopo di lucro (individuati ai sensi dell’art. 4, comma 1, del D.lgs. n. 117/2017). 

Data di apertura/ scadenza della presentazione della domanda:

Data di apertura: 28/08/2023 (ore 10)

Data di chiusura: 28/09/2023 (ore 10)

Valore Progettuale Minimo e massimo: 

Non indicati

Percentuale di cofinanziamento:

Percentuale massima: 80%

Limiti inferiore e superiore di Cofinanziamento:

Limite superiore Sezione I e Sezione II Azione 1: 80.000,00 Euro

Descrizione Sintetica:

La Direzione Generale Creatività Contemporanea del Ministero della Cultura, di seguito denominata “DGCC”, in attuazione dell’art. 21 del D.P.C.M. 2 dicembre 2019, n. 169, svolge funzioni e compiti di promozione e valorizzazione della conoscenza dell’architettura contemporanea italiana mediante l’attivazione sul territorio nazionale e internazionale di manifestazioni culturali. Il presente programma è finalizzato a promuovere gli obiettivi di Sviluppo del Millennio (Millennium Development Goals) sanciti nell’Agenda 2030 dell’ONU. Il presente programma è redatto in linea con le tematiche che hanno ispirato il New European Bauhaus, iniziativa della Commissione Europea collegata all’ European Green Deal, che invita i cittadini europei a immaginare per poi costruire insieme un futuro bello, sostenibile e inclusivo. Con il presente programma di ricerca, dedicato alle Architetture Sostenibili, la DGCC intende fornire un contributo alla realizzazione di uno sviluppo globale più sostenibile, una pratica ritenuta necessaria e urgente, a partire dai luoghi della cultura attraverso la sperimentazione di progetti, la promozione di reti internazionali di ricerca, la produzione di mostre monografiche e il sostegno alla formazione di giovani architetti italiani. Il tema prescelto per questo anno, denominato Architetture Sostenibili per i luoghi della cultura, riguarda la sperimentazione di architetture modulari adattive, flessibili, riciclabili, leggere e a basso impatto ambientale, smontabili e riutilizzabili, in grado di allungare il ciclo di vita dei singoli elementi e di renderli interscambiabili.

La sfida del 2023: 
a. è rivolta alla ricerca, formazione, progettazione e realizzazione di architetture che sappiano rendere sostenibile il contemporaneo nei luoghi della cultura con l’obiettivo di supportare il talento dei giovani architetti e professionisti del settore, promuovere la multidisciplinarietà e la collaborazione fra istituzioni e imprese culturali e creative a livello nazionale ed internazionale. 
b. è un laboratorio dove si testano soluzioni esportabili in differenti contesti, progetti innovativi che combinano l’eccellenza nell’architettura e la sostenibilità, con attenzione particolare all’Universal design, divenendo per una nuova generazione un acceleratore di idee elaborate per progetti diversi per dimensione, contenuto ed estetica rivolti all’economia circolare, al riuso, riparazione, scambio, prestito, upcycling. 
c. nasce dalla necessità di studiare e ricercare buone pratiche al fine di individuare principi e strategie condivise, criteri e strumenti operativi specifici, finalizzati a rendere ripetibile il processo progettuale e sperimentare nuovi materiali e tecniche ecosostenibili. 
d. è indirizzata a sostenere la formazione degli architetti italiani, attività di studio, ricerca e approfondimento specialistico mediante scambi culturali e collaborazioni con istituzioni internazionali accreditate e a favorire la diffusione di esperienze formative di giovani studiosi attraverso l’istituzione di premi di residenza o assegni di ricerca al fine di promuovere l’architettura ecosostenibile.

Architetture sostenibili per i luoghi della cultura è una procedura di evidenza pubblica suddivisa in due specifiche sezioni: 
Sezione I – Realizzazione di progetti sostenibili per i luoghi della cultura italiani Finanziamento per la progettazione e la realizzazione di architetture modulari e allestimenti espositivi.  
Sezione II – Promozione internazionale dell’architettura sostenibile italiana Attivazione di reti di ricerca, di percorsi di formazione e di divulgazione di progetti qualitativamente significativi sui temi dell’ecosostenibilità nei luoghi della cultura in Italia in collaborazione con istituzioni culturali e/o scientifiche internazionali.

Tutte le proposte afferenti alle due Sezioni del presente Avviso devono osservare le indicazioni di carattere generale di seguito riportate: 
a. adozione di metodologie progettuali basate su logiche complessive di riduzione dell’impatto sull’ambiente e contenimento delle risorse in tutte le fasi (dalla produzione alla dismissione) con particolare attenzione ai materiali, al consumo di energia nei processi produttivi, alle emissioni di CO2 durante il trasporto, etc.;
b. sperimentazione di materiali sostenibili e innovativi con particolare riferimento anche all’ uso (minimizzare il contenuto materico e gli spessori, evitare il sovradimensionamento e le parti non strettamente funzionali, limitare sfridi e scarti, scegliere materiali a scarsa o nulla tossicità, etc.); 
c. facilitare la raccolta e il trasporto dopo l’uso diminuendo i pesi, i volumi dei materiali, l’utilizzo degli imballaggi e dei prodotti usa-e-getta, favorire il compostaggio e le operazioni di divisione e separazione, etc.; 
d. studio e/o progettazione di architetture modulari e allestimenti espositivi che possano essere sostituiti o rigenerati on site, ovvero possano dar vita ad altri interventi diversi per idee, forme e contenuti; 
e. studio e/o progettazione di sistemi modulari malleabili, utili ed esteticamente pregevoli, rigenerabili o riciclabili alla fine del loro ciclo di vita, facilmente smontabili in singoli elementi tali da consentire il riutilizzo di parte dei componenti e un trasporto agile con risparmio di mezzi e risorse.

SEZIONE I:

Al fine di promuovere progetti qualitativamente significativi sui temi dell’ecosostenibilità nei luoghi della cultura si elencano, a mero titolo esemplificativo, alcune tipologie ammissibili: 
a. proposte finalizzate a migliorare la fruizione, i servizi di accoglienza e implementare l’offerta culturale attraverso la valorizzazione degli spazi esterni in rapporto ai paesaggi circostanti e degli spazi interni mediante una maggiore qualità, funzionalità e inclusività; 
b. architetture ecosostenibili in grado di ricercare un possibile rapporto tra territorio e patrimonio conservato volto a rafforzare l’identità e l’attrattività dei luoghi della cultura; 
c. strutture permanenti o temporanee progettate per ospitare attività condivise volte a costruire un dialogo con le comunità locali e a diffondere i valori della sostenibilità ambientale; 
d. sistemi modulari adattivi capaci di restituire uno spazio dinamico plurifunzionale a supporto di nuovi servizi e funzioni, allestimenti o percorsi espositivi, strutture funzionali a ospitare eventi estivi, moduli per arredi interni, installazioni temporanee, strutture utili per attività artistiche/educative/ludico e adatte a differenti tipologie di eventi (mostre, workshop, laboratori, performance, etc.). 

SEZIONE II:

Al fine di promuovere percorsi di ricerca o la divulgazione di progetti qualitativamente significativi sui temi dell’ecosostenibilità nei luoghi della cultura sono candidabili proposte riguardanti in alternativa:  
– programmi di ricerca inediti e originali sul tema specifico degli allestimenti espositivi e delle architetture modulari ecosostenibili per i luoghi della cultura in collaborazione con istituzioni culturali e/o scientifiche internazionali;  
– produzione di una mostra inedita e originale presso istituzioni culturali internazionali sul tema delle architetture ecosostenibili per i luoghi della cultura italiani.

PROGRAMMI DI RICERCA 
Produzione di una ricerca inedita e originale volta a studiare e a documentare le architetture ecosostenibili per i luoghi della cultura che prevedano l’attivazione di partenariati costituiti da accreditate istituzioni culturali e/o scientifiche internazionali. Al fine individuare processualità ripetibili e creare una guida in grado di orientare verso una progettazione eco-sostenibile, il programma di ricerca deve contenere: 
a. minimo 30 casi studio di architetture ecosostenibili per i luoghi della cultura in ambito nazionale e internazionale con sezioni dedicate agli allestimenti espositivi e ai sistemi modulari; 
b. descrizione delle caratteristiche architettoniche e analisi tecnica della casistica esaminata rispetto ai materiali adottati, ai metodi di produzione e consumo, alle singole componenti, alle certificazioni, ai marchi ambientali, etc.; 
c. restituzione del lavoro di analisi attraverso la redazione di schede descrittive (tipo) organizzate attraverso percorsi scientifici e tematici e corredate di allegati grafici e fotografici e abachi tecnici; 
d. redazione di una sezione sintetica contenente raccomandazioni generali, focus area, criteri e strategie per minimizzare gli impatti e migliorare le prestazioni, individuazione di strumenti di misurazione, valutazione, etc. 

Tutte le proposte, pena esclusione, devono prevedere la promozione e la diffusione degli esiti della ricerca in ambito nazionale e internazionale attraverso la partecipazione a talk, conferenze incontri, seminari internazionali e obbligatoriamente mediante una delle due indicazioni di seguito riportate: 
a. realizzazione di un sito web dedicato in lingua inglese e/o italiana e/o altra lingua, facilmente accessibile a un pubblico internazionale e nazionale tramite interfaccia web di semplice utilizzo, compatibile con differenti browser, visualizzabile su differenti dispositivi e con interfaccia di tipo responsive e un design della identità visuale e dell’architettura informativa di immediata lettura; 
b. pubblicazione dedicata in lingua inglese e/o italiana e/o altra lingua, anche in due edizioni separate, con relativa promozione e distribuzione editoriale all’estero. Sono valutati positivamente progetti che coinvolgono case editrici non italiane e che prevedono la distribuzione delle copie anche a biblioteche di settore italiane e internazionali.

PRODUZIONE DI UNA MOSTRA 
Progetti finalizzati alla realizzazione di una mostra dedicata alle architetture ecosostenibili per i luoghi della cultura italiani con particolare attenzione al tema degli allestimenti espositivi e ai sistemi modulari ecosostenibili, come indicati all’art.19 del presente Avviso, presso accreditate istituzioni culturali e/o scientifiche internazionale di durata non inferiore a 30 (trenta) giorni. Una mostra che attraverso la selezione di casi studio, progetti ideati o realizzati, modelli, plastici, disegni o schizzi racconti l’impegno dell’Italia verso gli obiettivi di sostenibilità indicati nell’Agenda ONU 2030, il cui progetto di allestimento sia esso stesso una sperimentazione di buone pratiche volte a ridurre gli impatti ambientali in tutte le fasi (produzione, allestimento, esercizio e programma di dismissione). Tutte le proposte, pena esclusione, devono indicare le strategie e le attività di promozione e comunicazione che si intendono sviluppare (inserzioni online, articoli su blog, giornali, riviste e quotidiani, nonché inviti via newsletter, manifesti e cartelloni pubblicitari, partecipazione a talk, conferenze, eventuale catalogo, etc.). 

Area di Cooperazione: 

Italia

Partenariato:

SEZIONE I:

I Partner di progetto possono essere: 
a. i luoghi della cultura come indicati nella sezione “tipologia di richiedenti/beneficiari”; 
b. soggetti pubblici o privati senza scopo di lucro, impegnati in modo prevalente in campo culturale, quali: istituti universitari e centri di ricerca, enti e istituti pubblici, associazioni, fondazioni, enti del Terzo settore senza scopo di lucro (individuati ai sensi dell’art. 4, co. 1, del D.lgs. n. 117/2017).

I soggetti proponenti singoli o in partenariato possono avvalersi del contributo di eventuali Partner strategici, Partner culturali e/o scientifici internazionali, Sponsor e Team multidisciplinari di progetto.

SEZIONE II:

I progetti possono essere presentati anche in forma associata tra i soggetti indicati nella sezione “tipologia di richiedenti/beneficiari”.

I soggetti proponenti singoli o in partenariato, pena esclusione, devono costituire una collaborazione con Partner culturali e/o scientifici internazionali.

Inoltre, è possibile avvalersi del contributo di eventuali Partner strategici, Sponsor, e Team multidisciplinari di progetto.

Tipo di Finanziamento:

Contributo a fondo perduto

Risorse complessive:

540.000,00 Euro così ripartiti:

Sezione 1: 340.000,00 Euro

Sezione 2: 200.000,00 Euro (di cui 170.000,00 per l’azione 1 della sezione 2)

Link Bando:

Avviso: https://creativitacontemporanea.cultura.gov.it/wp-content/uploads/2023/07/45462723Avviso-Pubblico-Architetture-sostenibili-per-i-luoghi-della-cultura-1.pdf

Programma: https://www.beniculturali.it/comunicato/architetture-sostenibili-edizione-1

54321
(0 votes. Average 0 of 5)
Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *