PNRR - Bando IFIT

By in
72

Nome dell’Avviso e Programma di provenienza

Avviso: MODALITÀ APPLICATIVE PER L’EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E CREDITI D’IMPOSTA A FAVORE DELLE IMPRESE TURISTICHE DI CUI ALL’ARTICOLO 1, COMMI 1 E 2, DEL DECRETO-LEGGE 6 NOVEMBRE 2021, N. 152

Programma:  PNRR – Ministero del Turismo

Tipologia di Richiedenti/ Beneficiari

Le agevolazioni sono rivolte a:

●     alberghi

●     agriturismi

●     strutture ricettive all’aria aperta

●     imprese del comparto turistico, ricreativo, fieristico e congressuale

●     stabilimenti balneari

●     complessi termali

●     porti turistici

●     parchi tematici, inclusi quelli acquatici e faunistici

I soggetti devono: 

●     gestire in virtù di un contratto regolarmente registrato, da allegare obbligatoriamente alla domanda, una attività ricettiva o di servizio turistico in immobili o aree di proprietà di terzi; oppure 

●     essere proprietari degli immobili oggetto di intervento presso cui sono esercitati l’attività ricettiva o il servizio turistico.

Data di apertura/ scadenza della presentazione della domanda

Data di apertura: 28/02/2022

Data di chiusura: 30/03/2022

Valore Progettuale Minimo e massimo

Non indicati

Percentuale di cofinanziamento

Credito d’imposta: fino all’80% delle spese ammissibili.

Contributo a fondo perduto: fino al 50% delle spese ammissibili.

Limiti inferiore e superiore di Cofinanziamento

Contributo a fondo perduto.

Superiore: 40.000 Euro

Il contributo a fondo perduto può essere aumentato:

  • fino a ulteriori 30.000 euro se almeno il 15% delle spese sono destinate alla digitalizzazione e innovazione delle strutture in chiave tecnologica ed energetica
  • fino a ulteriori 20.000 euro per le imprese con i requisiti previsti dall’art 53 del Decreto legislativo 11 aprile 2006, n. 198. Più precisamente: per l’imprenditoria femminile, per le società cooperative e le società di persone costituite per almeno il 60% da giovani fino a 35 anni; per le società di capitali con almeno i due terzi quote possedute da giovani e con organi di amministrazione costituiti per almeno i due terzi da giovani; per le imprese individuali gestite da giovani, che operano nel settore del turismo
  • fino a ulteriori 10.000 euro per le imprese con sede operativa in Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia.

Il credito d’imposta e il contributo a fondo perduto sono cumulabili, a patto che non venga superato il limite di spesa ammissibile per gli interventi.

Descrizione Sintetica

L’avviso reca le modalità applicative per l’erogazione del credito di imposta e del contributo a fondo perduto di cui all’articolo 1, commi 1 e 2, del decreto-legge 6 novembre 2021, n. 152, ai soggetti di cui al comma 4 del medesimo articolo, con riferimento in particolare:

●     alle tipologie di imprese turistiche ammesse agli incentivi, alle tipologie di interventi ammessi, alle soglie massime di spesa ammissibile, nonché ai criteri di verifica e accertamento dell’effettività delle spese sostenute;

●     alle procedure per l’ammissione delle spese al credito d’imposta, per il suo riconoscimento e utilizzo;

●     alle procedure per l’ammissione delle spese ed il riconoscimento del contributo a fondo perduto;

●     alle procedure per il riconoscimento del finanziamento a tasso agevolato previsto dal decreto interministeriale del 20 dicembre 2017 recante “Modalità di funzionamento del Fondo nazionale per l’efficienza energetica”, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 54 del 6 marzo 2018;

●     alle procedure di recupero nei casi di utilizzo illegittimo dei contributi.

●     alle modalità per garantire il rispetto del limite massimo di spesa ed il raggiungimento degli obiettivi relativi alla misura 4.2 Ml C3 del PNRR.

Sono interventi che consentono spese ammissibili ai fini della determinazione degli incentivi previsti dal presente Avviso quelli relativi a:

●     interventi di incremento dell’efficienza energetica delle strutture, indicati dall’articolo 2 del decreto del Ministero dello sviluppo economico del 6 agosto 2020;

●     interventi di cui all’articolo 16-bis, comma 1, lettera i), del decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n. 917, recante il Testo unico delle imposte sui redditi, di riqualificazione antisismica;

●     interventi di eliminazione delle barriere architettoniche, come definite dall’articolo 1, comma 2, del decreto del presidente della Repubblica 24 luglio 1996, n. 503;

●     interventi di manutenzione straordinaria, di restauro e risanamento conservativo, di ristrutturazione edilizia e installazione di manufatti leggeri, anche prefabbricati, di cui all’articolo 3, comma 1, lettere b), c) d) ed e.5), del decreto del Presidente della Repubblica 6 giugno 2001, n. 380, funzionali alla realizzazione di interventi di incremento dell’efficienza energetica delle strutture e di riqualificazione antisismica e agli interventi di eliminazione delle barriere architettoniche, in conformità alla legge 9 gennaio 1989, n. 13, e al decreto del presidente della Repubblica 24 luglio 1996, n. 503;

●     la realizzazione di piscine termali, per i soli stabilimenti termali e l’acquisizione di attrezzature e apparecchiature per lo svolgimento delle attività termali, relativi alle strutture di cui all’articolo 3 della legge 24 ottobre 2000, n. 323;

●     gli interventi di digitalizzazione con riferimento alle spese previste dall’articolo 9, comma 2, del decreto-legge 31 maggio 2014, n. 83, convertito, con modificazioni, dalla legge 29 luglio 2014, n. 106, esclusi i costi relativi alla intermediazione commerciale;

●     l’acquisto di mobili e componenti d’arredo, ivi inclusa l’illuminotecnica, a condizione che tale acquisto sia funzionale ad almeno uno degli interventi di cui alle lettere a), b), c), d) ed e) del presente comma, e che il beneficiario non ceda a terzi né destini a finalità estranee all’esercizio di impresa i beni oggetto degli investimenti prima del completamento dell’ammortamento degli stessi

Documentazione richiesta

Modulo di domanda 

Documenti obbligatori per la presentazione della domanda

▪ Scheda progetto

▪ Documento di identità e codice fiscale del legale rappresentante e (se presente) del delegato con procura;

▪ Dichiarazione rispetto dei principi PNRR

▪ DSAN possesso dei requisiti

▪ Asseverazione tecnico abilitato su congruenza costi e coerenza tempistica di realizzazione (per la quale non è previsto un format)

NB: Gli allegati obbligatori devono essere firmati digitalmente da parte del legale rappresentante ad eccezione dell’asseverazione che sarà firmata dal tecnico abilitato iscritto al relativo albo professionale

Documenti non obbligatori (da trasmettere solo se disponibili)

▪ Procura/Atto depositato presso CCIAA – Poteri di firma del delegato

▪ Regolarità contributiva – DURC

▪ Contratto di gestione dell’attività ricettiva o di servizio turistico

▪ Relazione tecnica ed elaborati grafici del progetto

▪ Estremi dei titoli abilitativi e autorizzazioni (DIA, SCIA, CILA o CILAS)

▪ Permesso a costruire

▪ Nulla osta paesaggistico

▪ Contratto di affiliazione franchising

▪ Certificazione di compatibilità e rispetto delle prescrizioni del principio DNSH (non arrecare un danno significativo) (solo per i progetti conclusi)

▪ Attestato di prestazione energetica relativo agli interventi di efficienza energetica

▪ Asseverazione requisiti tecnici – cd. Ecobonus – relativa agli interventi di efficienza energetica

▪ Relazione tecnica depositata/provvedimento regionale equivalente relativa agli interventi di efficienza energetica

▪ Certificazione di guadagno energetico dei servizi ricettivi e dei servizi relativa agli interventi di efficienza energetica

▪ Certificazione del fornitore delle valvole termostatiche a bassa inerzia termica relativa agli interventi di efficienza energetica

▪ Delega per la compilazione della domanda

Compilare la DSAN Antimafia

Ai sensi dell’articolo 7, comma 2, dell’Avviso del Ministro del turismo ai sensi dell’articolo 1, comma 9, del Decreto-legge 6 novembre 2021, n. 152, del 23 dicembre 2021, per poter acquisire la documentazione antimafia di cui all’articolo 96 del Decreto legislativo 6 settembre 2011, n. 159, nel caso in cui l’agevolazione richiesta sia superiore a 150.000 euro, il legale rappresentante del soggetto proponente dovrà compilare e sottoscrivere gli allegati DSAN Antimafia mod. A e mod. C. Le indicazioni per la corretta compilazione della DSAN Antimafia sono contenute nello Schema controlli antimafia familiari conviventi.

Punti di attenzione

Questi i requisiti che le imprese devono possedere al momento della presentazione della domanda:

  • essere iscritte al registro delle imprese
  • gestire un’attività ricettiva o di servizio turistico in immobili o aree di proprietà di terzi o essere proprietari degli immobili presso cui è esercitata l’attività che è oggetto dell’intervento
  • essere in regola con la verifica della regolarità contributiva, DURC
  • essere in regola con la normativa antimafia
  • essere in regola sotto il profilo fiscale

Questi requisiti devono essere mantenuti fino a cinque anni dopo l’erogazione del pagamento finale, pena la perdita del diritto all’agevolazione e il recupero degli incentivi.

Area di Cooperazione 

Italia

Partenariato

Non richiesto

Tipo di Finanziamento

Credito d’imposta e contributo a fondo perduto.

Risorse complessive

600.000.000,00 Euro

Link Bando:

Avviso: https://www.invitalia.it/cosa-facciamo/rafforziamo-le-imprese/incentivi-imprese-turistiche-ifit/cose(Cliccando sull’apposito link si scarica l’avviso)

Programma:https://www.invitalia.it/cosa-facciamo/rafforziamo-le-imprese/incentivi-imprese-turistiche-ifit

54321
(0 votes. Average 0 of 5)
Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *