MISE - Fondo intelligenza artificiale, blockchain e internet of things

By in
6

Nome dell’Avviso e Programma di provenienza:

AVVISO: Decreto direttoriale 24 giugno 2022

Programma: Ministero dello Sviluppo Economico

Tipologia di Richiedenti/ Beneficiari:

Possono beneficiare delle agevolazioni, di cui al presente decreto, i seguenti soggetti: 

a) le imprese che esercitano le attività di cui all’articolo 2195 del codice civile, numeri 1) e 3), ivi comprese le imprese artigiane di cui alla legge 8 agosto 1985, n. 443; 

b) le imprese agro-industriali che svolgono prevalentemente attività industriale; 

c) le imprese che esercitano le attività ausiliarie di cui al numero 5) dell’articolo 2195 del codice civile, in favore delle imprese di cui alle lettere a) e b); 

d) i Centri di ricerca.

Data di apertura/ scadenza della presentazione della domanda:

Data di apertura: 21/09/2022 (dalle ore 10.00 alle ore 18.00 di tutti i giorni lavorativi, dal lunedì al venerdì) – possibilità di precaricare la documentazione prevista dal bando, a partire dal 14 settembre 2022.

Data di chiusura: Le domande di agevolazione sono, pertanto, accolte nei limiti delle risorse finanziarie rese disponibili.

Valore Progettuale Minimo e massimo: 

Valore minimo: 500.000,00 Euro

Valore massimo: 2.000.000,00 Euro

Percentuale di cofinanziamento:

Le agevolazioni sono concesse secondo le seguenti intensità massime di aiuto:

a. per le attività di ricerca industriale: 

i. 70 per cento delle spese ammissibili per le imprese di micro e piccola dimensione; 

ii. 60 per cento delle spese ammissibili per le imprese di media dimensione; 

iii. 50 per cento delle spese ammissibili per le imprese di grande dimensione e per gli Organismi di ricerca.

b. per le attività di sviluppo sperimentale: 

i. 45 per cento per le imprese di micro e piccola dimensione; 

ii. 35 per cento per le imprese di media dimensione; 

iii. 25 per cento per le imprese di grande dimensione e per gli Organismi di ricerca.

c. per le attività di ricerca industriale e sviluppo sperimentale, fermo restando il limite dell’intensità massima di aiuto pari all’80 per cento dei costi ammissibili, è riconosciuta a ciascun partecipante una maggiorazione pari al 15 per cento, in presenza di progetti che prevedono: 

i. una collaborazione effettiva tra imprese di cui almeno una PMI e purché ciascuno dei soggetti proponenti non sostenga da solo più del 70 per cento dei costi complessivi ammissibili, o 

ii. una collaborazione effettiva tra un’impresa e uno o più Organismi di ricerca, nell’ambito della quale tali organismi sostengono almeno il 10 per cento dei costi ammissibili e hanno il diritto di pubblicare i risultati della propria ricerca.

d. per i progetti relativi all’innovazione dei processi e all’innovazione dell’organizzazione: 

i. 50 per cento dei costi ammissibili per le PMI; 

ii. 15 per cento per cento per le imprese di grande dimensione e per gli Organismi di ricerca. Gli aiuti alle grandi imprese sono compatibili purché tali imprese collaborino effettivamente con le PMI nell’ambito dell’attività sovvenzionata e le PMI coinvolte sostengano almeno il 30 per cento del totale dei costi ammissibili. 

Limiti inferiore e superiore di Cofinanziamento:

Non indicati

Descrizione Sintetica:

Il presente decreto è diretto a individuare le modalità di attuazione dell’intervento agevolativo definito dal Decreto interministeriale 6 dicembre 2021, per la concessione e l’erogazione delle agevolazioni in favore di progetti di ricerca, sviluppo e innovazione funzionali allo sviluppo delle tecnologie e delle applicazioni di intelligenza artificiale, blockchain e internet of things, secondo quanto stabilito all’art. 3, comma 2, lett. a) del Decreto, anche mediante il paradigma del metaverso. 2.

I settori strategici prioritari individuati per l’attuazione dell’intervento sono: 

a. industria e manifatturiero; 

b. sistema educativo; 

c. agroalimentare; 

d. salute; 

e. ambiente ed infrastrutture; 

f. cultura e turismo; 

g. logistica e mobilità; 

h. sicurezza e tecnologie dell’informazione; 

i. aerospazio.

I progetti ammissibili alle agevolazioni devono prevedere la realizzazione di attività di “ricerca industriale”, “sviluppo sperimentale”, “innovazione dell’organizzazione” e “innovazione di processo”, finalizzate al sostegno e allo sviluppo delle tecnologie e delle applicazioni di intelligenza artificiale, blockchain e internet of things nei settori strategici prioritari.

In relazione all’attività prescelta, la proposta progettuale dovrà prevedere i seguenti output finali: 

a) per le categorie “ricerca industriale” e “sviluppo sperimentale”, rispettivamente: 

i. lo studio, la progettazione, la realizzazione e il test di un prototipo in ambiente di laboratorio o, in alternativa, in un ambiente dotato di interfacce di simulazione verso sistemi esistenti e la realizzazione di linee pilota ai fini della convalida delle tecnologie previste dal Fondo; 

ii. la costruzione di prototipi, la dimostrazione, la realizzazione di prodotti pilota, test e convalida di prodotti, processi o servizi nuovi o migliorati; 

b) per i progetti rientranti nelle categorie “innovazione dell’organizzazione” o di “innovazione di processo”, rispettivamente: 

i. l’applicazione di nuovi metodi organizzativi nelle pratiche commerciali, nell’organizzazione del luogo di lavoro o nelle relazioni esterne di un’impresa; 

ii. l’applicazione di un metodo di produzione o di distribuzione nuovo o sensibilmente migliorato (inclusi cambiamenti significativi nelle tecniche, nelle attrezzature o nel software). 

Area di Cooperazione: 

Italia

Partenariato:

I soggetti richiedenti possono presentare, anche congiuntamente tra loro e con gli Organismi di ricerca, purché in numero comunque non superiore a cinque, progetti realizzati mediante il ricorso allo strumento del contratto di rete o ad altre forme contrattuali di collaborazione, compresi il consorzio e l’accordo di partenariato.

Il contratto di rete o le altre forme contrattuali di collaborazione devono configurare una collaborazione effettiva, stabile e coerente rispetto alla articolazione e agli obiettivi del progetto. Nel contratto deve emergere una chiara suddivisione delle competenze e devono essere definiti gli aspetti relativi alla proprietà, all’utilizzo e alla diffusione dei risultati del progetto. Il contratto deve altresì prevedere l’individuazione di un soggetto capofila, che agisca in veste di mandatario dei partecipanti, attraverso il conferimento da parte dei medesimi, con atto pubblico o scrittura privata autenticata, di un mandato collettivo con rappresentanza per tutti i rapporti con il Ministero ed Infratel.

Tipo di Finanziamento:

Contributo a fondo perduto

Risorse complessive:

45.000.000,00 Euro così ripartiti: 

a. 25 milioni di euro per progetti volti a favorire lo sviluppo dell’intelligenza artificiale; 

b. 10 milioni di euro per progetti volti a favorire lo sviluppo della tecnologia Blockchain; 

c. 10 milioni di euro per progetti di sviluppo delle tecnologie Internet of things (IoT).

Una quota pari al 60 per cento delle risorse è riservata ai progetti di ricerca, sviluppo e innovazione proposti da PMI e reti di imprese.

Una quota pari al 34 per cento delle risorse finanziarie è riservata a progetti da realizzare nei territori delle Regioni del Mezzogiorno.

Link Bando:

Avviso: https://www.mise.gov.it/images/stories/normativa/Block_chain_-_DD_def_-_24giugno2022REV_2.pdf

Programma: https://www.mise.gov.it/index.php/it/incentivi/fondo-per-interventi-volti-a-favorire-lo-sviluppo-delle-tecnologie-e-delle-applicazioni-di-intelligenza-artificiale-blockchain-e-internet-of-things

54321
(0 votes. Average 0 of 5)
Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *